Generazione Z E La Nuova Relazione Con I Viaggi



Che cos'è la generazione Z?

Dare nomi ai gruppi è sempre stato popolare sin dall'inizio dell'umanità. Ci piace tracciare linee tra le persone per classificarle e infondere alcuni tratti comuni. Un attributo comune per separare le persone è la loro età.

Ecco perché abbiamo creato nuovi gruppi: le generazioni. Dopo la generazione Y arriva la generazione Z, che i membri sono chiamati Gen Zer. Questa nuova generazione riunisce tutte le persone nate dopo il 1995. La linea è stata tracciata perché gli etnologi pensano che i membri della Gen Zer abbiano una relazione diversa con la tecnologia.

La loro mentalità è favorevole alla tecnologia, grazie al fatto che hanno sempre vissuto con Internet. In effetti, Internet ha iniziato a crescere negli anni novanta. I bambini nati prima di questa data vivevano in due periodi diversi: senza e con Internet mentre erano in età per comprendere ed essere influenzati da questo cambiamento. È molto interessante capire perché ci concentriamo su Internet per creare questa casella.

Come Internet ha cambiato la mentalità delle persone

Internet è potente. Possiamo avere risposte a domande difficili e trovare una ricetta per ogni alimento in pochi clic. Fondamentalmente, abbiamo guadagnato la libertà e il potere attraverso i nostri smartphone.

D'altra parte, continuiamo a trascorrere più tempo davanti agli schermi. Stimiamo che un membro della Generazione Z‌ trascorra più di 5 ore al giorno davanti allo schermo, essendo lo smartphone la prima fonte di screen-time con una media di 3 ore al giorno.

Gli schermi sono alienanti. Nel suo libro The Shallows: cosa sta facendo Internet per il nostro cervello, Nicholas G. Carr spiega come le tecnologie ci alienano. Spiega che le notifiche che riceviamo sui nostri smartphone rendono il nostro cervello secreto dalla dopamina, l'ormone del piacere.

Nicholas Carr, acclamato scrittore il cui lavoro si concentra sull'intersezione di tecnologia, economia e cultura

La dopamina viene anche secreta quando fumiamo, assumiamo droghe o beviamo alcolici. Fondamentalmente, le notifiche dello smartphone funzionano come una droga. Siamo dipendenti dai nostri smartphone, il che riduce la nostra libertà.

Qual è la grande differenza per la generazione Z?

Abbiamo detto che entrambi abbiamo guadagnato e perso la libertà ... Com'è possibile? È possibile perché ora abbiamo la libertà della memoria. Non dobbiamo ricordare tutti i compleanni perché Facebook ci dirà quando è il compleanno del nostro amico.

D'altra parte, perdiamo la libertà perché ora dobbiamo aprire Facebook ogni giorno per vedere di chi è il compleanno. Non c'è contraddizione, è un compromesso. Dobbiamo prestare attenzione al nostro utilizzo della tecnologia e al nostro rapporto con le tecnologie.

Se usiamo i lati positivi delle tecnologie senza cadere troppo in profondità nella dipendenza, la relazione è vincente. Se non lo facciamo, andiamo sul lato perdente.

Generazione Z e relazione con il viaggio


Per quanto riguarda i viaggi, la Generazione Z‌ ha un punto di vista molto interessante: vedono i viaggi in particolare, ma l'esperienza personale e umana in generale, più importante dei beni materiali.

Ciò significa che in futuro, che è già ora, quando iniziano a lavorare e a spendere soldi, hanno maggiori probabilità di farlo sulle esperienze, nonostante siano stati cresciuti con Internet.

Più che un baby boomer o un Gen Xer, gli individui della Generazione Z‌ hanno maggiori probabilità di prenotare un biglietto aereo casuale e soggiornare presso l'ostello economico Chelsea Center di New York piuttosto che prendere un prestito per una nuova auto.

In futuro, ciò avrà un impatto considerevole su tutti i settori economici ed è una grande opportunità per viaggiare: avranno bisogno di un'assicurazione di viaggio con carta di credito‌ molto più di un'assicurazione auto, per esempio, e intere parti dell'economia dovranno cambiare a seguire quel cambiamento di abitudini della futura categoria di lavoro, dal 2020 al 2050.

La Gen Zer e la relazione per viaggiare a colpo d'occhio

Tracciare le linee è sempre difficile, ma è necessario comprendere i cambiamenti generali nel corso della storia, e in particolare quello recente, poiché ha molti effetti culturali ed economici.

Qui, la Generazione Z‌ è uno strumento per spiegare i pensieri, per spiegare le nostre idee sulla reazione dei giovani. Può essere molto utile perché esiste una realtà negli interruttori mentali che Internet opera nel nostro cervello.

Questa nuova generazione di Gen Zer prenoterà molto probabilmente quel volo economico e si chiederà Dove posso volare?‌ mentre riempiranno la loro mappa per contrassegnare i paesi visitati‌ piuttosto che investire in mattoni e malta.

Dove posso volare?
Circa l'autore - Dove posso volare?
Ho 34 anni uomo, appassionato di viaggi. Con più di 5 anni in viaggio, più di 55 paesi visitati in tutti i continenti, più di 650 voli, più di 1000 notti in hotel e un tour mondiale di un anno, tutto auto organizzato, viaggiare è uno stile di vita. Ho creato questo sito per condividere la mia esperienza e offrirti le migliori informazioni e offerte.
 




Commenti (0)

lascia un commento